REALIZZAZIONE DI VIGNETTE E DISEGNI SULL’USO NON DISCRIMINATORIO DELLA LINGUA ED IN DIREZIONE DEL SUPERAMENTO DEGLI STEREOTIPI DI GENERE

 

Art. 1 OBIETTIVI DEL BANDO “CIO’ CHE NON SI DICE NON ESISTE”         

1. l’Amministrazione comunale di Francavilla Fontana indice il Concorso 2020 “CIò CHE NON SI DICE NON ESISTE” (di seguito “Concorso”) per accrescere, con modalità illustrative (vignette o disegni) da divulgare attraverso i canali web e social, la consapevolezza sull’uso non discriminatorio del linguaggio dal punto di vista del genere.

2. Per linguaggio di genere si intende quell’uso della lingua italiana che declina i termini al maschile e al femminile con particolare riguardo, nell’ambito del presente Concorso, ai titoli accademici, alle professioni e ai ruoli all’interno della Scuola, a seconda che a ricoprirli sia una donna oppure un uomo, nonché a qualunque messaggio che sia condizionato dal sesso della persona a cui ci si rivolge.

3. Già nel 1990 il Consiglio d’Europa evidenziava come «il sessismo che caratterizza l’uso corrente del linguaggio in molti Stati membri del Consiglio d’Europa - per cui il maschile include/prevale sul femminile - sta ostacolando la realizzazione dell’uguaglianza tra le donne e gli uomini, poiché nasconde l’esistenza delle donne ovvero di metà dell’umanità» e invitava gli Stati «a incoraggiare, nel modo più ampio possibile, un utilizzo non sessista del linguaggio in modo tale da tener conto della presenza, dello status e del ruolo svolto dalle donne nella società, così come le correnti pratiche linguistiche fanno per gli uomini» (Raccomandazione sull’Eliminazione del sessismo dal linguaggio n. R (90) 4 del 21 febbraio 1990). Il Consiglio d’Europa ha ribadito, ancora di recente, l’importanza dell’utilizzo non sessista del linguaggio anche nella sua Gender EqualityStrategy 2018-2023.

4. L’Amministrazione cittadina, d’altro canto, con delibera n. 38 del 05.02.2019 si è impegnata a formulare ogni atto comunale conlinguaggio rispettoso del genere in linea con gli obiettivi dell'agenda 2030 promossi dall'ONU ed è costantemente impegnata nella difficile attività di superamento di ogni forma di stereotipo, nella convinzione che una modifica del linguaggio in senso inclusivo possa favorire l’affermazione femminile e dunque il raggiungimento della piena libertà di scelta nella crescita di ogni persona anche di sesso femminile.

 

Art. 2 CARATTERISTICHE DI VIGNETTE O DISEGNI

1. Il Concorso ha come oggetto la realizzazione di una o più vignette (al massimo 5) o un disegno che illustrino il tema di cui all’art. 1 secondo la scheda tecnica sotto riportata.

Scheda tecnica

La/le vignetta/e o il disegno dovranno avere le seguenti caratteristiche: essere originali ed inedite, sviluppate espressamente per il Concorso, esteticamente efficaci, facilmente distinguibili e adattabili a diverse dimensioni, ingrandibili o riducibili, mantenendo la loro efficacia in qualsiasi dimensione, formato e tipologia di stampa.

 La/le vignette e il disegno:

· devono essere inediti e non premiati da altri concorsi;

· non devono partecipare ad altri concorsi fino alla pubblicazione della graduatoria finale;

· non infrangere o violare i diritti di terzi, inclusi copyright, marchi, brevetti e qualsiasi altro diritto di proprietà intellettuale;

· non contenere effigi o fotografie o altri elementi identificativi, senza autorizzazione;

· essere realizzate in due versioni, una a colori e una in bianco/nero, senza l'utilizzo di “clip art” e “art work” relativi ad altre autorizzazioni;

· essere adatti o adattabili a qualunque media utilizzato;

· il disegno deve misurare 11.5 cm di base, e massimo 15 cm di altezza, minimo 600 dpi;

· il tono deve essere divertente e, ovviamente, privo di elementi offensivi;

· dovranno comunque essere considerate valide e registrabili ai sensi del D. Lgs. 10 febbraio 2005, n.30.

 

Art. 3 TERMINI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

1. Il Concorso è rivolto ad artisti/e di qualsiasi nazionalità, di età compresa tra i 14 ed i 18 anni.

2. È ammessa la partecipazione di più artisti/e per la realizzazione dello stesso set di vignette o dello stesso disegno.

3. Ciascun/a concorrente potrà presentare un’unica proposta.

4. Ciascun progetto dovrà pervenire all’indirizzo del Comune di Francavilla Fontana …, in un plico chiuso e ANONIMO recante all’esterno la sola dicitura “Ciò CHE NON SI DICE NON ESISTE–Comune Francavilla Fontana”, entro le ore 12 del 15 ottobre 2020. Il termine è perentorio.

5. Scaduto detto termine non saranno accettate altre proposte, anche se integrative o sostitutive di quelle già presentate nei termini.

6. I progetti pervenuti dopo la scadenza dei termini non saranno presi in esame.

7. Il plico anonimo dovrà contenere, pena l’esclusione dal Concorso, quanto di seguito elencato:

1) Una busta chiusa, recante esclusivamente la dicitura “Concorso Ciò CHE NON SI DICE NON ESISTE – proposta tecnica”, contenente i seguenti elaborati:

· Tavola 1 – foglio/i in formato A4 riportante/i stampa della/e vignetta/e o del disegno, sia a colori sia in bianco e nero.

· Relazione tecnico-descrittiva dell’idea progettata che indichi le caratteristiche e spieghi la logica e gli intenti comunicativi, stampata su un unico foglio in formato A4 (utilizzabile in fronte e retro).

· Un Cd-rom (o DVD o chiavetta USB) contenente la/e immagine/i a colori e in bianco e nero in formato TIF e PDF. 2)

Una busta chiusa, recante esclusivamente la dicitura “Concorso CIò CHE NON SI DICE NON ESISTE – domanda di partecipazione”, contenente i seguenti elaborati: · la domanda di partecipazione, compilata in tutte le sue parti (All. A); · copia del documento di identità in corso di validità; · il curriculum vitae.

8. Si ribadisce che al fine di garantire l’anonimato del concorrente, il plico, le buste, gli elaborati non dovranno essere in alcun modo contrassegnati né riportare codici, motti o nominativo dell’autore/trice, pena l’esclusione dal Concorso.

 

Art. 4 CAUSE DI ESCLUSIONE

1. Saranno esclusi tutti/e i/le concorrenti che non presenteranno, entro i termini e le modalità di partecipazione stabiliti, la documentazione richiesta dal bando oppure se questa non sarà conforme a quanto previsto agli articoli 2 e 3.

2. Saranno inoltre esclusi/e i/le concorrenti che renderanno pubblico il progetto o parte di esso prima della proclamazione del/la vincitore/trice da parte del Comune.

 

Art. 5 COMMISSIONE GIUDICATRICE E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PROPOSTE

1.       Le proposte progettuali pervenute entro la data prevista dal bando saranno esaminate dalla Commissione giudicatrice formata da tre esperte nominate dal Comune e selezionate in ragione della loro sensibilità e del loro impegno personale e professionale sull’argomento.

2.       In particolare Graziella Priulla (Presidente), Vera Gheno e Giorgia Vezzoli*.

2. Le decisioni della Commissione saranno assunte a maggioranza assoluta. In caso di parità, prevarrà il voto della Presidente. Il giudizio della commissione è insindacabile.

3. La Commissione potrà decidere di non procedere alla selezione, nel caso ritenga che nessuno dei progetti presentati corrisponda ai criteri di valutazione previsti dal bando.

4. La Commissione potrà decidere di suddividere il premio tra più vincitori/trici.

5. La valutazione dei progetti sarà effettuata in base ai seguenti criteri:

- efficacia ed immediatezza comunicativa e caratteristiche concettuali;

- coerenza della proposta con il tema del Concorso;

- originalità della proposta;

- registro espressivo corretto e divertente.

6. La Commissione si riserva la facoltà di concordare con il/la vincitore/trice l'introduzione di eventuali modifiche all’elaborato prescelto.

 

Art. 6 PREMIO

1.       La nomina del/la vincitore/trice sarà stabilita da una Commissione composta nel corso di una cerimonia pubblica la cui data sarà comunicata successivamente.

2.       Al/la vincitore/triceil Comune assegnerà un premio pari ad € 500,00 mentre La Gazzetta del Mezzogiorno e il Quotidiano di Puglia provvederanno  alla pubblicazione del lavoro.

3.        Qualora l’opera sia stata svolta in collaborazione tra più autori/trici il premio sarà suddiviso tra gli/le stessi/e.

4.       La Commissione si riserva la facoltà di assegnare una speciale menzione ad un’opera che, pur non risultando vincitrice, si sia particolarmente distinta.

5.       Il sito webvitaminevaganti.compubblicherà i migliori lavori a proprio insindacabile giudizio riservando di mostrarli nel corso di una o più esposizioni.

 

Art.7 PROPRIETÀ, DIRITTI E RESPONSABILITÀ

1. I/Le partecipanti, con la presentazione delle proposte progettuali, si impegnano, indipendentemente dall’esito del Concorso, a non utilizzare e/o far utilizzare il proprio elaborato per fini diversi dal presente Concorso. I/Le partecipanti altresì espressamente sollevano, manlevano e mantengono indenne l’Università da ogni responsabilità verso terzi derivante direttamente o indirettamente dal/le vignetta/e e/o dal suo/loro utilizzo.

2. I/Le partecipanti si assumono ogni responsabilità in merito all’originalità dei propri progetti.

3. Nulla spetta ai concorrenti a titolo di compenso o rimborso per qualsiasi onere connesso alla partecipazione al Concorso.

4. Il Comune si impegna a dare pubblicità al nome dell’autore/trice della proposta dichiarata vincitrice.

5. I progetti potranno essere esposti gratuitamente durante e dopo lo svolgimento del Concorso.

6. Tutte le proposte pervenute non saranno restituite e resteranno nella disponibilità del Comune.

7. Il set di vignette vincitrici, fatti salvi i diritti che la legge riconosce ad autori ed autrici, diventerà di proprietà esclusiva del Comune, che ne acquisisce a titolo gratuito tutti i diritti di utilizzazione, riproduzione e pubblicazione, senza limiti di spazio e di tempo. Il Comune si riserva inoltre di effettuare, a proprio nome, la registrazione ufficiale delle vignette presso gli organi competenti, nonché di utilizzare il lavoro per gli scopi propri dell’assessorato e della commissione alle pari opportunità.

8. Il Comune si riserva, a proprio insindacabile giudizio, di non dar luogo alla procedura, di revocarla, prorogarla, sospenderla e/o rinviarla ad altra data senza che i concorrenti possano avanzare alcuna pretesa in merito.

 

Art. 8 INFORMATIVA TRATTAMENTO DATI PERSONALI

1. I dati forniti dai candidati saranno trattati dal Comune di Francavilla Fontana ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679, “Regolamento Generale per la Protezione dei Dati Personali” (GDPR - General Data ProtectionRegulation) entrato in vigore il 25 maggio 2018 e del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) come modificato dal D.Lgs. del 10 agosto 2018, n. 101. 2. Titolare del trattamento dei dati è l’Università degli Studi di Genova nella persona del Rettore.

 

Art. 9 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

1. Ai sensi dell’art. 5 della L. 241/1990, responsabile del procedimento è il dr. Marco Lesto.

 

 

*Graziella Priulla (saggista, sociologa della comunicazione e della cultura, docente prima associata e poi ordinaria di sociologia dei processi culturali e comunicativi all'Università di Catania dal 1976 al 2015. Svolge attività di formatrice sui temi della differenza di genere).

Vera Gheno (sociolinguista, scrittrice ed autrice, tra gli altri libri, di "Femminili singolari. Il femminismo è nelle parole" (EffeQu) e "Potere alle parole. Perché usarle meglio" (Einaudi), ha lavorato per vent’anni con l’Accademia della Crusca nella redazione della consulenza linguistica edattualmente collabora stabilmente con la casa editrice Zanichelli).

Giorgia Vezzoli (autrice, poeta, comunicatrice e attivista femminista; ha scritto il libro per l'infanzia “Mi piace Spiderman... e allora?” (Settenove) e il romanzo “Ti amo in tutti i generi del mondo” (Girardi).

Torna su